Breve incipit... In questa sezione del Sito, vogliamo approfondire le doti politiche della presidenza dei cento per cento animalisti, per capire da dove nasce questa gestione totalitaria dell'Associazione...

 
Picture

Indaghiamo nel passato del presidente dei 100%...
 ...e scopriamo...

  
   Mi sono messo a spulciare nella rete, e quante sorprese... Alcune prevedibili, atre hanno portato la sorpresa di collaborazioni del Sig.Mocavero con elementi politici, che si sono fatti riconoscere nei loro trascorsi come appartenenti alla destra radicale, e appartenenti ad ambienti di stampo mafioso...
   Ma, andiamo con calma, e verifichiamo un po' di notizie, tutto parte nel 1999 quando Paolo Mocavero si candidò alle elezioni come sindaco di Padova, militando nelle liste di: Destra Veneta

<< L’arcipelago nero del profondo Nord. >>

    << Ecco chi sono le teste rasate nostrane
Almeno cento i gruppi xenofobi nel solo Veneto Liberazione 6 febbraio 2001 Si moltiplicano, crescono e creano opinione i gruppi di estrema destra tra Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Alto Adige. Sono gruppi numerosi ed organizzati: fanno manifesti, convegni in grandi alberghi, viaggi organizzati nei luoghi della memoria nera. Un ultimo manifesto apparso nelle città del Nord-Est, dice: con Haider in Forza nuova. Basta immigrazione fermiamo l’invasione. Le loro idee viaggiano alla velocità di Internet. Navigando nei mari neri del web si trovano inni ad Hitler, svastiche che distruggono la stella di Davide, incintamento all’odio etnico e religioso. Uno dei siti più frequentati dagli amanti del nero è il famoso www. holywar. org, un sito che inneggia alla guerra santa contro il nemico arabo. In Veneto si contano circa un centinaio di movimenti, tra gruppi organizzati, tifoserie da stadio e gruppuscoli di volontari che fanno riferimento a case editrici di estrema destra, come la Edizioni Librarie Ar di Franco Freda, oppure le Edizioni Barbarossa. Il Fronte Veneto skin, guidato da Piero Puschiavo, esiste da circa dieci anni, ha sede a Vicenza, dove proprio qualche anno fa nel 1993 sfilarono un po’ da tutta Italia con bandiere nere, celtiche e saluti romani; il movimento conta più di cento simpatizzanti. Forza nuova invece nasce il 29 settembre 1997 con un giuramento di fede nella ricorrenza di S. Michele, il protettore dei soldati, rappresentato come l’angelo con la spada. Ha un forte radicamento in tutto il Veneto: è articolata in sezioni provinciali e comunali presenti sul territorio, può contare su finanziamenti provenienti da tutta Europa, in particolare dall’Inghilterra, ed ha una radicata struttura organizzativa che fa capo al romano Roberto Fiore e al cantautore nero Massimo Morsello. Il movimento, si presentò anche a Padova alle elezioni comunali dell’aprile 1999 con un loro candidato sindaco: Paolo Mocavero, di professione dj. Forza nuova uscì dalla competizione elettorale con un risultato significativo: 1,5% pari a 1600 preferenze e stanno già preparandosi a raccogliere le firme per presentarsi alle prossime competizioni elettorali. Ma la galassia nera non si ferma solo al ricco Nord-Est, l’aggressione di sabato in Alto Adige ha riaperto forte preoccupazione nella regione. L’episodio del pestaggio di domenica non è certo un caso isolato, dato che solo un mese fa le autorità locali segnalavano la presenza di skin a Vibiteno, dove un gruppo di neofascisti si ritrovò in una discoteca locale per un raduno di musica hard-rock e punk. La festa nera finì con una rissa tra skin nostrani e gruppi di neonazisti tedeschi, per un regolamento di conti - dicono. Già in passato la provincia dell’Alto Adige sud tirolese registrava la presenza di movimenti di estrema destra provenienti dall’arcipelago delle associazioni neo-naziste tedesche in particolare dalla zona bavarese. Vi sono infatti a tutt’oggi due organizzazioni di estrema destra: “Freiheitlichen” e “l’Ein Tirol”, movimento fondato da Eva Klotz, figlia del famoso martellatore della val Passiria, l’autore dei motti altoatesini degli anni ’50. L’elemento di novità è che da qualche mese a questa parte arrivano in questa provincia naziskin italiani che evidentemente trovano terreno fertile anche con associazioni del luogo. David Parenzo>>tratto da: http://animantifa.tripod.com/100x100animalisti/indymedia17-sett.htmlPrimo turno comunali '99
Mario Levante (Veneto libero) 0,6
Giustina Mistrello (Polo) 42,2
Alessandro Berlese (Buongoverno Padova) 0,4
Nevio Casertano (Liga veneta) 1,0
Flavio Zanonato (Centro-sinistra) 41,6
Riccardo Ronchitelli (Sdi) 1,2
Luca Casarin (Nonsolo Verdi) 1,4
Paolo Mocavero (Destra veneta) 1,1
Alberto Pero (Part. uman.) 0,1
Luciano Gasperini (Lega) 4,9
Sergio Celin (Lista per Padova)
Cesare Ottolini (Rif. com.) 2,1
Silvio Scanagatta (Veneto nord est, Soc., Crist. dem., Com. fed.) 2,8
Fonte: http://www.repubblica.it/online/speciale/cpadova/cpadova/cpadova.html

I trascorsi del Moka "politico"

Picture
   Ma scavando ancora più in profondità scopriamo, anche la candidatura alle europee nello stesso anno della candidatura a sindaco, questa volta, il nostro Mocavero, andrà a braccetto con la lista Cito alias lega d'azione del meridione, la domanda sorge spontanea, cosa hanno in comune il meridione di Giancarlo Cito, con il nordico padovano Mocavero? Semplice... La militanza nell'estrema destra! Ma estrema proprio... Cito venne cacciato dal MSI per le sue "idee" troppo radicali, cercò la carriera da imprenditore, e ritornò alla politica... Ecco da chi ha imparato il Moka dj a riciclarsi in varie attività...(dalla politica, all' animalismo, passando per la musica in qualità di dj...)
<<Alle elezioni europee del 1999 la Lega d'Azione Meridionale si presentò con la dicitura principale di Lista Cito. Nonostante l'accordo con movimenti politici di estrema destra come Forza Nuova [...]>>

LISTA: LISTA CITO - LEGA DI AZIONE MERIDIONALE CITO GIANCARLO1.45121.453
 
PORTACCI AMEDEO536-536
CORREGGIARI GIANNI1851186
MOCAVERO PAOLO1491150
SAMMARTANO GIANFRANCO
132-132
[...]

fonte:      http://www.utgcomo.it/Elettorale/Altridati/E99prfne.htm
e anche:   http://www.provincia.bz.it/vote/europa99/bz/part/prt18_i.htm

   Tanto per essere, precisi, voglio riportarvi le prove delle compagnie di Mocavero, il suo "capo" nella lega d'azione meridionale, come dicevo prima, cercò la carriera politica, poi quella nell'imprenditoria edile (dove subì un paio di condanne); tornò alla politica, e si diede all'imprenditoria nell'ambito televisivo... AT6 delle ultime campagne politiche è l'acronimo di Antenna Taranto 6.
   Fu condannato per associazione mafiosa nel 1995, e per concussione nel 2008.

<< [...] nel 1995, l’allora sindaco Giancarlo Cito “vantava” già 5 precedenti penali, nonché un rinvio a giudizio per concorso esterno in associazione mafiosa e aveva già reso dichiarazioni del tipo “Se oggi volete chiamare fascismo la mia ferrea volontà di cambiamento, allora evviva il fascismo” (La Gazzetta del Mezzogiorno, 7 dicembre 1993), “Bisogna prendere a calci nel sedere i tossicodipendenti” (La Gazzetta del Mezzogiorno, 17 dicembre 1993), “Saranno fatte delle retate di extracomunitari” (La Gazzetta del Mezzogiorno, 10 marzo 1995), “A Villa Peripato non potranno entrare né zingari, né negri, né extracomunitari” (La Gazzetta del Mezzogiorno, 15 luglio 1995).[...] >>

fonti:  http://it.wikipedia.org/wiki/Giancarlo_Cito
          http://ingegnie.altervista.org/Cito%20Giancarlo.html
          http://it.wikipedia.org/wiki/Lega_d%27Azione_Meridionale
          http://tarantismi.blog.dada.net/

   Questi, sono i degni compari di Mocavero! Vi è un particolare, che mi lascia non poco basito, sulla capacità di trasformismo, di quest' uomo anni fa collaborava con Cito, che difendeva i meridionali (qualcosa di buono lo ha fatto anche lui: la marcia su Mantova; la nuotata di rivolta nel golfo di taranto...), e ultimamente, invece lo vediamo farsi fotografare con Massimo Gobbi, amico filoberlusconiano di Borghezio, ma di questo parleremo in seguito... e ci sarà da ridere!!!

  Mi unisco alla richiesta presentata tempo fa da indymedia:

http://italy.indymedia.org//news/2003/09/379064_comment.php#383252

"SE IL VOSTRO LEADER NON è PIù NAZISTA EMANI UN COMUNICATO UFFICIALE DA DISTRIBUIRE QUI E ALTROVE, in assenza di tale dichiarazione gli sproloqui dei suoi sostenitori sull' animalista parlano chiarissimo! "